3 modi in cui la pandemia potrebbe accelerare l’adozione di Bitcoin

By Bitcoin

La Singaporean DBS Bank ha recentemente pubblicato un rapporto esaustivo sullo stato delle valute digitali. Tra le numerose osservazioni e conclusioni, l’analista della banca multinazionale, Taimur Baig, ha esposto un caso convincente per le brillanti prospettive delle valute digitali. La forza principale di questo cambiamento di prospettiva sta nel fatto che il governo sta affrontando la pandemia COVID-19.

Le politiche monetarie estreme portano a… L’adozione della Bitcoin?

Quando l’istituzione più potente di una nazione, in questo caso la Federal Reserve, si scatena in una furia monetaria senza precedenti, non c’è bisogno di una sofisticata educazione economica per allarmarsi. Se qualcosa può essere creato dal nulla a tal punto, come il dollaro, che valore ha veramente? E, cosa ancora più importante, quale sarà il suo valore in futuro?

Tali preoccupazioni rappresentano la causa principale del cambiamento post-covido nella percezione delle crittocurrenze da parte della gente. Taimur Baig, l’autore del rapporto di DBS Bank sulle valute digitali, è un veterano del settore finanziario. In precedenza ha lavorato come economista senior presso la Deutsche Bank, il FMI e l’Autorità Monetaria di Singapore.

Nel rapporto, Baig parte dalla base di una domanda di moneta digitale biforcuta – pre-covida e postcovida. Di conseguenza, Baig nota le seguenti tendenze che accelereranno l’adozione del Bitcoin Revolution, e forse anche di altri asset digitali.

1. Il bitcoin come valida alternativa al denaro statale

Il totale di circa 2.500 valute crittografiche detiene attualmente un limite di mercato di 360 miliardi di dollari. Di queste, la Bitcoin è di gran lunga la dominante, davanti al secondo più grande asset digitale, l’Ethereum, per sei volte. Di conseguenza, Bitcoin detiene il limite di mercato di circa 170 miliardi di dollari, pari a quasi la metà di tutte le valute crittografiche mai create.

Questo è il motivo per cui quando si parla di valute crittografiche, si fa quasi sempre riferimento a Bitcoin. Quando il suo valore aumenta o diminuisce, aumentano o diminuiscono anche i valori di tutte le altre valute crittografiche. Molte persone sono diventate milionarie Bitcoin da un giorno all’altro sulla base delle sole fluttuazioni del Bitcoin. Nel corso degli anni, questo non è passato inosservato ai media tradizionali, aumentando il tetto del mercato e il volume di trading.

Tuttavia, nell’era postcovidentale, la Bitcoin sta passando da un’attività speculativa per uno schema rapido per fare soldi ad un’attività che non è legata alle fortune della nazione e al funzionamento delle sue istituzioni finanziarie. Grazie al suo numero fisso di monete e alla catena di blocco crittografico, il Bitcoin è intrinsecamente resistente all’inflazione e alle manomissioni da parte delle entità centrali – a differenza delle principali valute di oggi.

Questo è così prevalente oggi, che il governo degli Stati Uniti ha stampato più denaro nel giugno del 2020 che nei primi due secoli dopo la sua fondazione. Già sorpreso?

2. I clienti che richiedono Bitcoin nelle istituzioni finanziarie tradizionali

Nulla stimola l’adozione di nuovi prodotti finanziari come l’integrazione con l’infrastruttura finanziaria esistente. A seguito dello stupor di COVID-19, le banche di tutto il mondo stanno iniziando ad implementare soluzioni Business-to-Business (B2B) per soddisfare la domanda dei clienti che desiderano investire in asset digitali all’interno di un ambiente finanziario familiare.

Fidelity Digital Assets ne è un esempio lampante. L’azienda può ora facilitare la custodia e le transazioni Bitcoin.

Inoltre, i clienti che vedono il Bitcoin come un baluardo contro l’inflazione vedono anche l’oro nella stessa ottica. Entrambi gli asset esistono per salvaguardare la ricchezza indipendentemente da ciò che accade nell’economia di una nazione.

E le banche sono quelle che tradizionalmente custodiscono l’oro. Nei prossimi anni, è possibile vedere le banche espandere questa caratteristica con il Bitcoin, come il moderno complemento dell’oro, o l’oro digitale, se volete.

3. Il Bitcoin come un rifugio dalle valute statali fallite

Dopo la massiccia esplosione di Beirut, la valuta libanese si è deprezzata dell’80%, infliggendo un colpo fatale all’economia. Altre nazioni hanno guai simili, come il Venezuela e l’Iran. In tutti questi paesi, COVID-19 ha notevolmente aggravato le condizioni, oltre alle sanzioni internazionali imposte dagli Stati Uniti.

Al di fuori delle nazioni chiuse fuori dai mercati finanziari internazionali, molti sperimenteranno periodi di iper-inflazione che potrebbero portare a una crisi valutaria. Ma cosa succede se il dollaro americano è sulla stessa strada? Nel breve periodo, Baig conclude che l’aggancio di queste valute al dollaro può funzionare, ma anche l’aggancio alle crittocorse dovrebbe funzionare se agganciato a una valuta a circolazione limitata.

Quest’ultima, che molti ora prevedono, vedrà una maggiore domanda solo quando i risultati della pandemia – e le successive risposte del governo – saranno veramente avvertiti.